Home Cronaca Lanciano, casa all’asta per la metà del suo valore: l’avvocato Griffo ottiene...

Lanciano, casa all’asta per la metà del suo valore: l’avvocato Griffo ottiene una sentenza storica

1195
0

Il Giudice dell’esecuzione annulla la vendita per eccessivo ribasso del prezzo, consentendo così a due giovani imprenditori di salvare la propria casa e soprattutto di tornare alla serenità. A tre giorni dalla vendita infatti, la casa dei coniugi colpevoli solo di aver lavorato un’intera vita e di non essere riusciti a fare fronte ai debiti dovuti dalla crisi e dalle numerose insolvenze e mancati pagamenti nei loro confronti sarebbe dovuto essere stata battuta per meno della metà del suo valore di mercato. Invece, propizio è stato l’intervento dell’avvocato Griffo (con l’avv. Gaia Giuliani) dello Studio legale Riccio-Griffo & Partners, che, appellandosi al principio secondo cui “il debitore può essere espropriato dei suoi beni solo quando questo comporti una soddisfazione concreta dei creditori” ha dimostrato la assoluta incongruità della trattativa all’asta.

“Il prezzo” argomenta l’avvocato con grande veemenza e voglia di giustizia “era stato inspiegabilmente stato parametrato sulla metà dei lotti dell’intero immobile staggito. In altre parole: al prossimo tentativo di vendita, gli interessati avrebbero potuto acquistare la casa nella sua interezza pagandone però solamente la metà, e questo viola la norma di cui all’art. 568 c.p.c. la quale prescrive come parametro di riferimento della base d’asta il valore di mercato dell’immobile”.

Una forma di ingiustizia sempre più frequente, purtroppo, ed a cui si assiste e che genera a fenomeni ai danni di debitori ed imprenditori vessati dalla crisi e dai tassi bancari, che vedono espropriarsi a prezzi irrisori il loro patrimonio faticosamente costruito in una vita; il tutto unicamente a vantaggio di operazioni speculative o di vero e proprio sciacallaggio consentite dal sistema, le quali: oltre a non tutelare i diritti di chi ha provato, con onestà e duro lavoro, a produrre ricchezza ed occupazione nel paese; mortifica pesantemente l’iniziativa economica, esponendo chi la pratica a rischi così alti da rappresentare un significativo deterrente, soprattutto per le giovani nuove leve dell’imprenditoria, alle quali sarebbe invece affidata la ripresa economica nostrana.

In questo caso tuttavia, il senso di giustizia ed il grande interessa per una vicenda ai limiti del paradossale ha concesso all’avvocato Griffo di liberare i due coniugi di un fardello pesante che incombeva sulla loro vita. L’avvocato Griffo, raggiante, commenta: “Facciamo il nostro lavoro anche per vivere di certe soddisfazioni. Aver restituito dignità a questi due imprenditori martoriati dall’incapacità del sistema di tutelare spesso i contraenti più deboli, è un motivo di vanto per l’intero studio legale che, insieme all’avvocato Riccio ed a tutti i nostri collaboratori, rappresento. Grazie anche a loro ed ai due coniugi per aver creduto in noi.” Una storia a lieto fine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here