Home Politica Cardito: l’avvocato Pisano: “Una ditta legata alla camorra finanzia la campagna elettorale...

Cardito: l’avvocato Pisano: “Una ditta legata alla camorra finanzia la campagna elettorale del sindaco”, Giuseppe Cirillo lo querela, domani l’udienza in tribunale

144
0

E’ prevista per domani, giovedì 29 settembre, l’udienza presso il tribunale di Napoli Nord di Aversa che vede le parti contrapposte, ovvero, l’ex amministratore comunale, l’avvocato Francesco Pisano e l’attuale sindaco di Cardito Giuseppe Cirillo. Il primo cittadino, come d’abitudine, decise di querelare l’ex leader dell’opposizione a seguito di un post del 2018, pubblicato su Facebook, scritto dallo stesso Pisano. Anche in questo caso, così come per i giornalisti, il pistolero della querela, Giuseppe Cirillo, sofferente forse di aposiopesi, si sta difendendo con i soldi pubblici, la delibera di Giunta numero 348 del 23 settembre 2022, parla chiaro, all’avvocato difensore dell’attuale vicesindaco di Città Metropolitana, a cui è stato conferito l’incarico legale, è stato mosso un impiego di spesa di 2.495,10 Euro. A mandare su tutte le furie l’indefesso e satrapo ingegnere dagli ingranaggi inceppati, come già ribadito, fu quel post scritto dall’ultimo vero oppositore che sedeva nei banchi del consiglio comunale, l’avvocato Pisano, che di seguito riportiamo testuale.

“Cardito a ottobre 2013 venne demolita la casa abusiva per usi familiari di una famiglia umile e perbene. Hanno chiesto l’indennità di occupazione a persone normali e tranquille. A tutt’oggi la casa abusiva di un camorrista è ancora lì. Il capannone su suolo comunale occupato da camorristi è ancora lì. Una ditta legata alla camorra finanzia la campagna elettorale del sindaco. Imprese in odore di camorra hanno appalti a Cardito. Se siete incapaci di combattere la camorra dimettetevi e liberate Cardito”.

L’argomento è delicato e fastidioso; Cardito, secondo i dati Ispra, è il quarto Comune più cementificato d’Italia, l’abusivismo e il mattone selvaggio, negli anni hanno seppellito il verde pubblico, favorito costruttori e sicuramente arricchito qualcuno. Gli scandali ovviamente non sono mancati e il geometra che in un anno divenne ingegnere, l’ingegnere che divenne gladiatore, scarno di moral suasion, non è esente da responsabilità, visti la mole di permessi a costruire rilasciati in questi 10 anni dall’intoccabile ed infuocato ufficio tecnico, visti gli avvisi di garanzia pervenuti al dipendente comunale Antonio Archetto, padre dell’attuale consigliera comunale Valeria Archetto e del deus ex machina, architetto Pasquale Imbemba, spostato dall’ ufficio urbanistica ai lavori pubblici, un grande salto, per dirla alla Raf, ricordiamo che quel procedimento non si è affatto chiuso, le indagini stanno andando avanti.

Inoltre, come sottolineato non solo dallo stesso Pisano, ma anche dagli organi stampa, più volte, l’amministrazione carditese è finita sotto la lente di ingrandimento degli investigatori, non solo per quanto concerne i permessi a costruire, ricordiamo lo scandalo dei concorsi annullati, del cimitero e delle costruzioni abusive. Staremo a vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here