Home Cultura Short International Film Festival, spazio a legalità ed ambiente in corti da...

Short International Film Festival, spazio a legalità ed ambiente in corti da animazione

53
0

Il passaggio dalla mafia rurale a quella dei colletti bianchi ed ancora la riscoperta della natura e dei viventi che si riappropriano di essa. Ambiente e legalità diventano temi portanti dello Short Internazional Film Festival, che si avvia questa sera alla chiusura con premiazione di 80 cortometraggi circa.

Interessanti nella sezione Maremetraggio, i due corti ‘Sad Beauty’ di Arjan Brenties e ‘La grande onda’ di Francesco Tortorella.

La  ‘Ndrangheta di Tortorella, presente in una pellicola autoprodotta, vede al centro del racconto il vecchio Gennaro Musella, ingegnere salernitano giunto in Calabria, poi divenuto vittima della ‘Ndrangheta per aver denunciato un appalto irregolare di una nuova costruzione sul porto di Bagnara, a seguito di una grande inondazione.

È l’onda naturale ad essere paragonata a quella della mala vita che travolge tutte le famiglie del posto.

La battaglia di Tortorella contro il potere è volontà di dignità per una intera comunità ed il cortometraggio conquista per questo gli spettatori.

Sul tema ambientale è invece incentrato il corto ‘Sad Beauty’. La protagonista è una donna che piange la scomparsa delle specie animali.

Non vuole dimenticare l’egoismo umano che sta distruggendo la Terra ed è per questo che l’olandese Brenties tratteggia attraverso di lei, il cono d’ombra del nostro sistema ambientale. A scapito degli esseri umani il grigiore di una città inquinata si trasforma cromaticamente nella pellicola in verde naturale, eterno e potente, pronto a riprendersi i suoi spazi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here