Home Politica CARDITO – Assessore sì, assessore no, chi sindaco decide?

CARDITO – Assessore sì, assessore no, chi sindaco decide?

1867
0
CONDIVIDI

Dura il tempo della nomina, l’assessore Luigi Portella si dimette; colui che avrebbe dovuto sostituire Giuseppe Di Micco viene mandato via, a Cardito gli ordini si devono rispettare…

– È notizia di poche ore fa, il neo assessore ai tributi Luigi Portella si è già dimesso. In meno di 24 ore assistiamo all’ennesima farsa, ovviamente il regista è sempre lui, l’ingegnere Giuseppe Cirillo. Stavolta, però, pare che a far pressione per le dimissioni, sia stato il gruppo dell’onnipresente e sempre prolifico Peppe Barra. Sì, perché, il politicante Nunziante Raucci, (storico figlioccio di Barra) avrà annusato qualcosa, evidentemente crede davvero che dopo Cirillo, il primo cittadino risponderà al nome di Raucci, ma questa è una considerazione da ritenersi in divenire, panta rei insomma.

Ritornando alla questione, Portella, quest’ultimo, “accompagnato” dal consigliere Michele Fusco, che avrebbe dovuto sostituire Giuseppe Di Micco ai tributi, proprio non sia andato giù, in poche parole, i barriani, devono gestire la “res publica”. Ufficialmente invece, Portella è stato bocciato perché parente dell’ex consigliere ing. Luigi Credendino. Siamo alle solite, prima gli interessi personali e dopo quelli sociali. –

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.