Home Politica Frattamaggiore, l’istituto Mazzini sommerso dalla spazzatura

Frattamaggiore, l’istituto Mazzini sommerso dalla spazzatura

927
0

Che l’amministrazione capitanata dal sindaco Marco Antonio Del Prete abbia fatto poco o niente in questo lustro, è sotto gli occhi di tutti. Ma ultimamente la fibrillazione ed il trepidare della campagna elettorale sta facendo letteralmente sbandare non solo il sindaco uscente, ma molti dei suo sodali. Promesse, spot, smentite, attacchi, questo il mix che arriva dalla Del Prete & Co., quando la voce della verità si alza libera ed il messaggio arriva ai cittadini, di rimando vi è solo il fango della bugia sputato dalle bocche di chi non può né argomentare né controbattere. Partiamo dai fatti, dalla cronaca di stamattina.

Il consigliere Giovanni Pezzullo, candidatosi cinque anni fa con Forza Italia, contro l’attuale sindaco, per poi, da grande equilibrista e stratega, passare in maggioranza, salvando così amministrazione e primo cittadino, dal suo profilo facebook (vedi foto), in pompa magna, scrive un post, dicendo che dopo accurati giri nelle scuole, tutto era pronto, si poteva ripartire in tranquillità. Poco dopo, lo stesso consigliere, viene smentito da Sky Tg24, dove in diretta, la giornalista e le stesse telecamere, fotografano una scene mortificante. L’istituto comprensivo Mazzini, attanagliato da immondizia, serpenti e da alberi incolti, questi ultimi addirittura ostruiscono il passaggio dinanzi le porte di emergenza, in più la mancanza di banchi per gli alunni.

Il post del consigliere Giovanni Pezzullo

Definire questa situazione vergognosa è veramente riduttivo, l’intera cittadina, mortificata dalla negligenza di un’amministrazione che a pochi giorni dal voto, non riesce a garantire l’ordinario per 1.400 studenti è devastante; la coalizione di Del Prete è proiettata verso l’ignoto, non ha la percezione di cosa significhi assumersi la responsabilità di governaro. Francesco Russo, nel suo decennio, ha spianato la strada all’attuale Marco Antonio, che non ha nulla a che vedere con il famoso imperatore, Russo gli ha apparecchiato la tavola, lo ha fatto sedere in un ristorante a cinque stelle ed il rampollo della politica ha dovuto solo portare la forchetta alla bocca. Per non parlare poi dei professionisti del mattone selvaggio che il 14° comune più cementificato d’Italia (Frattamaggiore) ha dovuto sorbirsi. Nella consiliatura Del Prete non sono mancate infatti le speculazioni e le colate di cemento. Insomma, la credibilità del sindaco uscente è pari a quella di Babbo Natale, una pioggia di baggianate che non meritano nemmeno l’apertura dell’ombrello, anzi, per quanto prodotto nei dieci anni da Russo, i suoi antagonisti dovrebbero solo inchinarsi e sollevare il cappello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here