Home Politica Frattamaggiore, il servizio civile diventa servizio parentale

Frattamaggiore, il servizio civile diventa servizio parentale

1253
1

Purtroppo un’altra tegola si abbatte sul sindaco Marco Del Prete. Lo scorso luglio è partito il servizio civile, in piena campagna elettorale, prima di entrare nel merito del caso, una prolusione è doverosa. I bandi pubblici sono o almeno dovrebbero essere la massima espressione della meritocrazia, soprattutto per i giovani che tanti sogni hanno nel cassetto e tanto si impegnano, sacrificando ogni tipo di risorsa. Per carità, non puntiamo il dito contro nessuno, ma dando uno sguardo alle graduatorie, ci siamo accorti che tra i meritevoli ci sono anche i parenti dei consiglieri comunali di maggioranza.

Ecco i nomi: Del Prete Anastasia figlia del consigliere comunale Francesco Del Prete, Di Giorgio Antonietta cognata dell’assessore Guarino Giovanna, in quota Francesco Del Prete, Della Volpe Vincenzo, figlio di Luciano Della Volpe e quindi cognato del consigliere Giuseppe Pezzella. Non vogliamo essere cinici o malpensanti, ma qualcuno dopo queste ialine e nitide parentele con esponenti di giunta e consiglio comunale, potrebbe storcere leggermente il naso. Insomma, lo scorso luglio, a ridosso delle imminenti elezioni, la politica del ‘fare’, quella di Marco Antonio Del Prete ha premiato, i meritevoli, sicuramente, ma anche i parenti dei consiglieri che formano la sua maggioranza. Cosa diciamo caro sindaco ai cittadini, ai tanti giovani frattesi che credono nell’impegno, nella perseveranza, a chi ha studiato e continua a farlo, una risposta, almeno quella, la cittadinanza la merita.

1 commento

  1. Il “nepotismo” in campo politico è un pericolo per la democrazia. I ragazzi vanno premiati tutti se studiano e si impegnano. Siamo nel 2020 e sembra che il salto nel medioevo sia voluto e detenuto. Io dico BASTA!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here