Home Politica Continua il tour di Nicola Oddati, ieri a Castello di Cisterna

Continua il tour di Nicola Oddati, ieri a Castello di Cisterna

655
0
CONDIVIDI

Sempre più vicina la data che sancirà il nuovo segretario provinciale del PD napoletano. E’ approdato ieri a Castello di Cisterna, Nicola Oddati, che con Costa ed Ederoclite, completa il trittico dei papabili alla segreteria provinciale. Nel lungo tour, che lo vede protagonista nelle sezioni democratiche, è stato accolto da un pubblico attento e voglioso di capire quali saranno le sorti del PD che verrà. Ad incrementare ed arricchire il dibattito, dando sostegno al candidato, erano presenti il sindaco di Castello di Cisterna, Aniello Rega, il consigliere metropolitano Giovanni Varchetta, il cons. regionale del PD, Bruno Fiola ed il Pres. del consiglio di Cisterna, Concita Esposito (foto copertina).

Dopo i saluti di  Rega, è stato significativo l’intervento di Varchetta, ormai politicamente navigato, immancabili le critiche a de Magistris, secondo il consigliere metropolitano, l’attuale sindaco di Napoli è stato fallimentare su tutti gli aspetti, in primis sulle politiche sociali: “Ho ascoltato tutti e tre i candidati, l’unico che può voltare pagine è proprio Nicola Oddati, bisogna costruire una base collettiva attraverso un processo di rinnovamento, innanzitutto un Partito Democratico molto più vicino ai territori e soprattutto a  quelle che sono le reali esigenze e difficoltà dei paesi, massimo sostegno quindi per Oddati.”

 

E’ il momento del candidato, che conclude il dibattito, idee ben chiare per Oddati: “Mi hanno chiesto di dare una mano e non mi sono tirato certamente indietro, io insegno all’università, scrivo romanzi, mi fa molto piacere di essere in questa nuova sede. Noi siamo la comunità democratica, ci sono stati dei momenti di difficoltà, ma oggi siamo una grande realtà. Siamo il perno del del Partito centrale del governo. Dopo il congresso c’è bisogno di regole, per capire come ci si sta all’interno del Partito. de Magistris non ha uno straccio di programma, bisogna allontanare tutti i sospetti, basta navigare sottobanco, noi vogliamo vincere, siamo migliori degli altri. Bisogna fare un grande congresso sarà il primo mattone per un grande PD.” 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here