Home Politica Frattamaggiore – Il sindaco Del Prete è già un lontano ricordo

Frattamaggiore – Il sindaco Del Prete è già un lontano ricordo

621
0
CONDIVIDI

Elezioni Amministrative alle porte e iniziano le prime manovre politiche.  Il quadro è frastagliato, un contesto litigioso che cova sotto le ceneri. Il sindaco Marco Antonio Del Prete è in difficoltà. La città è scontenta del quinquennio, dove non è stato possibile garantire nemmeno l’ordinario. I cittadini si lamentano e di riflesso anche gli stessi consiglieri di maggioranza avvertono difficoltà enormi a riproporre il primo cittadino uscente. Nei giorni scorsi si è tenuta una riunione alla presenza di Enzo Del Prete, ex sindaco, padre dell’attuale primo cittadino, alla presenza di Marco Del Prete e Francesco Russo, segretario e leader del Pd. Del Prete ha chiesto a Russo di mettere la sua autorevolezza, la sua forza e le sue liste a disposizione del primo cittadino per recuperare il ‘gap’ di fiducia tra l’amministrazione e la città.

La risposta di Russo è stata negativa. A dimostrazione che nel centrosinistra si lavora alla creazione di un’alternativa seria di governo fatta di sole civiche. Un progetto ambizioso che potrebbe vedere protagonisti anche una serie di consiglieri comunali non solo del gruppo di Francesco Russo, in primis Daniele Barbato presidente del consiglio comunale. Il feeling tra Barbato e Del Prete si è rotto da tempo e non è escluso che Barbato possa dimettersi dall’incarico di presidente e lavorare ad un’alternativa vincente portando con sé anche un altro consigliere comunale, Maria Teresa Pezzullo, ex esponente del Pd poi dichiaratasi indipendente.

Marco Del Prete per far fronte all’emorragia di consensi ha inglobato pochi mesi fa in maggioranza, marcatamente di centrosinistra, consiglieri di centrodestra come Giovanni Pezzullo di Forza Italia. Ha dato assessori ai consiglieri di minoranza (Parolisi e Gervasio) con la promessa di ottenere un sostegno alle elezioni. Il clima incerto e la difficoltà di gradimento che riscontra l’amministrazione tra i cittadini tiene aperto lo scenario. Lo stesso Pezzullo ha pubblicato il simbolo della sua civica ma non ha detto di voler sostenere Marco Del Prete e lo stesso Parolisi potrebbe scegliere in extremis altre coalizioni. I ‘Russiani’ hanno già preso da tempo le distanze e il grande inciucio si è manifestato sul cda del Consorzio cimitero, dove la presidenza è stata riconosciuta ad un candidato non eletto alle ultime elezioni nelle liste di Luigi Grimaldi, oggi sostenitore di Michele Granata. Un’altra alleanza storicamente innaturale. Inciuci che fanno scendere ancora di più il gradimento verso lo schema messo in campo da Del Prete abbandonato anche dai Giovani Democratici, il cui portavoce, Nello Rossi, sta lavorando insieme a Russo alla creazione di un’alternativa che dovrebbe decollare già nelle prossime settimane.

Il padre del sindaco tenta la mediazione in extremis con Francesco Russo, fallita perché durante gli ultimi quattro anni Del Prete junior, ha letteralmente distrutto il Pd, da dieci consiglieri potenziali ne è rimasto uno solo. Partito mortificato, segretario messo da parte, ‘Russiani’ calpestati preferendo un inciucio con il centrodestra. Lo stesso Pasquale Del Prete, vicesindaco e fedelissimo di Del Prete, ha messo sul tavolo le sue preoccupazioni proprio durante un incontro col sindaco affinché le scelte errate del sindaco e il poco gradimento che la città ha dimostrato a più riprese di fronte all’amministrazione e di fronte a scelte politiche discutibili, non si rivelino una tomba alle elezioni per la compagine che attualmente governa Frattamaggiore.

In chiusura, possiamo asserire che Del Prete potrà pure contare su un inciucio col centrodestra ma la possibile alternativa targata Russo-Barbato potrebbe mandare all’aria tutti i piani messi in campo in questi anni, soprattutto perché i cittadini hanno capito il gioco, contando anche su un ottimo ricordo che Francesco Russo ha lasciato nei suoi dieci anni di governo, portando Frattamaggiore su un percorso di buon governo, programmazione, efficienza, realizzando molte opere pubbliche di fronte al nulla del quinquennio Del Prete.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here