Home Politica CAIVANO – Manifestanti chiedono “trasparenza e legalità” nelle politiche sociali

CAIVANO – Manifestanti chiedono “trasparenza e legalità” nelle politiche sociali

1545
0

Sembra una vera e propria epopea quelle delle politiche sociali a Caivano. Qualche giorno fa, un gruppo di persone si è dato appuntamento in via De Gasperi, dove il sindaco del fallimento, così definito dal PD, riceveva i cittadini, oggi invece, al suo posto vi è  il Commissario Prefettizio. I “dissidenti”, muniti di striscione, avevano come unico obiettivo una figura in particolare, ovvero, la dottoressa Anna Damiano, responsabile del settore politiche sociali.

Pare che, a quest’ultima, mentre si apprestava ad abbandonare l’edificio comunale, le siano state rivolte contro accuse e qualche parola di troppo. Anna Damiano, allontana dal settore di riferimento e poi successivamente richiamata dallo stesso Simone Monopoli, è stata esaminata dall’Anac per conflitto di interessi, infatti, tempo fa, partirono alcuni esposti rispetto all’ operato dell’Ambito 19, le segnalazioni all’Autorità Nazionale Anticorruzione partirono proprio da un consigliere “limitrofo”, tuttora sono al vaglio della Procura della Repubblica, presso il tribunale di Napoli Nord.

Dietro questa bagarre, l’autorità diretta da Raffaele Cantone, si è già espressa in merito al conflitto di interesse che ha coinvolto la Damiano, secondo indiscrezioni, avrebbe favorito la figlia, mediante collaborazioni dirette con delle cooperative (per una somma pari a  28.031 euro) di cui, qualcuna è ancora attiva sul territorio (Ambito 19). Infine, per dovere di cronaca, i manifestanti, hanno chiesto un incontro proprio con il nuovo Commissario Prefettizio, mediante protocollo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here